L’ambasciatore Luca Attanasio ucciso in Congo. Il cordoglio del CIPSI

Solidarietà e Cooperazione CIPSI e tutte le sue 40 associate esprimono profondo cordoglio per la morte dell’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista della loro auto in un attentato al convoglio umanitario del World Food Programme di cui facevano parte. Lo ricordiamo come uomo e diplomatico sensibile e disponibile al dialogo e alla collaborazione con il mondo del volontariato, sempre presente ed interessato alle attività di cooperazione allo sviluppo. Sabato scorso aveva incontrato P. Franco Bordini, cooperanti e missionari in una tappa prima della partenza per Goma. Ci stringiamo vicino alla moglie dell’Ambasciatore Zakia Seddiki, Presidente di un’organizzazione umanitaria e alle 3 figlie, ai familiari, alle colleghe e ai colleghi delle vittime di questo omicidio. Ancora una volta piangiamo persone impegnate per la pace, il dialogo e la solidarietà, che hanno sempre perseguito con spirito di servizio verso il loro Paese e non solo.

Chi era Luca Attanasio, il curriculum dell’ambasciatore italiano

Nato a Saronno (Varese) il 23 maggio 1977, Luca Attanasio ha iniziato la sua carriera da diplomatico subito dopo la laurea in economia aziendale alla Bocconi di Milano.

Il suo primo incarico è stato quello di Segretario in legazione in prova nella carriera diplomatica. Da qui una lunga esperienza all’estero prima come segretario commerciale a Berna, poi come console a Casablanca e, infine, come Primo Segretario e consigliere ad Abuja. Nel mezzo anche un incarico alla Farnesina con il ruolo di capo Segreteria della Direzione Generale Mondializzazione e Questioni globali. L’arrivo in Congo nel 2017 come Incaricato d’Affari. Un ruolo confermato anche due anni dopo.

Al suo fianco da diversi anni c’era la moglie Zakia Seddiki, fondatrice e presidente dell’associazione Mamma Sofia, un gruppo che aiuta i bambini e le giovani madri in Congo. Proprio la coppia pochi mesi fa aveva ricevuto il Premio Internazionale Nassiriya per la Pace. I due avevano anche tre figli.

Luca era molto amato a Limbiate, città dove è cresciuto, come anche confermato dal sindaco della cittadina lombarda ai microfoni di Lapresse: “Increduli e distrutti, era solo un ragazzo. Resterà per sempre il nostro fanciullo immortale“.

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.

Un pensiero riguardo “L’ambasciatore Luca Attanasio ucciso in Congo. Il cordoglio del CIPSI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *