“Siamo tutti della stessa carne”, di Rocco D’Ambrosio e Riccardo Cristiano

È uscito il libro: «SIAMO TUTTI DELLA STESSA CARNE» – Dialogo su Fratelli tutti tra un cattolico e un agnostico, scritto da Rocco D’Ambrosio e Riccardo Cristiano. Riportiamo di seguito l’introduzione del libro.

Era una bella giornata, una di quelle che tutti definiscono “una classica giornata da ottobrata romana” quel 4 ottobre 2020, nonostante il Covid. Era noto da tempo che, alle dodici in punto, il sito della Santa Sede avrebbe messo on line l’enciclica Fratelli tutti. Era una domenica, festa di san Francesco e il primo papa che da secoli ha avuto l’ardire di scegliere il nome del patrono d’Italia – terra di nascita di tutti i papi da quel XIII secolo al 1978 – era andato a firmarla ad Assisi nel pomeriggio del giorno precedente. Un papa che lascia Roma per firmare l’atto più noto del “magistero romano”: quando si dice “Chiesa in uscita”… Siccome era una bella giornata molti interessati a questa enciclica l’hanno scaricata, ognuno a casa sua, con un po’ di ritardo. Ilsole alle volte fa arrivare in ritardo anche ad appuntamenti che si ritengono importanti, ma tanto ben si sa che quell’appuntamento non passa: una volta messo on line il testo rimane lì, nessuno lo toglierà, mentre il sole, prima o poi, tramonta. La curiosità su questa enciclica era già alta da settimane: Fratellitutti non è una banalità, anche se alcuni hanno difficoltà a confessare di credere e contemporaneamente di non credere che siamo “fratelli tutti”. I fratelli, per loro, sono quelli che credono come loro, gli altri no. Dio così diventa un tornello che separa chi sta dentro da chi sta fuori. Poi, martedì 6 ottobre, il testo è arrivato in libreria. Rocco: «Toh! Ma che ci fai qui?». Riccardo: «E tu?». Rocco: «Cerco una copia dell’enciclica Fratelli tutti. Sai: ogni tanto, cioè spesso, ho nostalgia del cartaceo. Ho iniziato a leggere il testo su file ma… non ce la faccio, io ho bisogno del cartaceo…». Riccardo: «Io l’ho scaricato domenica pomeriggio, ma anche a me la video lettura dà fastidio». Rocco: «Anch’io ho tardato un po’, era così bello domenica che non sono tornato subito a casa dopo la Messa». Riccardo: «Lo vedi allora che siamo proprio fratelli tutti! Anch’io non vedevo l’ora di leggere, ma poi domenica mattina sono andato al mare con mia moglie e ho cominciato a leggerla solo verso sera». Rocco: «Noi non siamo nativi digitali, questo è chiaro. Però già queste poche ore di lettura mi hanno consentito di capire che è un testo fortissimo. E quel “siamo tutti della stessa carne” è…». Riccardo: «Scusa Rocco, ma quella è la frase che ha colpito subito anche me, più di san Francesco. È come se lì Francesco avesse definito un registro per dirmi, parlo anche con te». Rocco: «Ah, già… mi dimenticavo che tu sei un agnostico. E non ti bastava quel che potevi leggere on line o sui giornali?». Riccardo: «Assolutamente no. Visto che ci lavoro nell’informazione mi fido poco di me e quindi di noi e poi, sai, ora che un papa mi chiama fratello, mentre i miei leader politici mi chiamano “amico consumatore”, devo leggerla tutta. Chi altro al mondo si rivolge a me così? Ma proprio leggendo il primo capitolo mi è venuta in mente un’idea che ti riguarda». Rocco: «Quale?». Riccardo: «Volevo contattarti per chiederti: perché l’avrà scritta?». Rocco: «Domanda difficile. Non certo semplice come “scusi, sa dirmi l’ora?”. Una domanda che richiede… una spiegazione della domanda stessa! Per non parlare del tempo per organizzare una risposta. Ma mi piace molto pensare a questo, anche se vorrei capire bene in che senso te lo chiedi e vuoi chiederlo a me. Ora però devo affrettarmi, tra poco ho lezione alla Gregoriana e con il Covid è cambiato tutto, anche i tempi di arrivo in aula! Facciamo così: scrivimi, mi fa proprio piacere confrontarmi con te».

Questo libro è nato così.

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.

Un pensiero riguardo ““Siamo tutti della stessa carne”, di Rocco D’Ambrosio e Riccardo Cristiano

I commenti sono chiusi