Sabato 29 maggio, h 10: Dagli aiuti alla burocratizzazione. Quale futuro per la cooperazione e la solidarietà internazionale?

Dagli aiuti alla burocratizzazione
Quale futuro per la cooperazione e la solidarietà internazionale, tra:
Codice del Terzo Settore, burocrazia, crisi economica e disinteresse politico
Sabato 29 maggio ore 10,00-12,00

Link ZOOM: https://us02web.zoom.us/j/86885233629?pwd=ZTAwSlN5MlU3aWx1TTZEYkVVeS9Rdz09


Nel 1982 nasceva il CIPSI per rispondere all’esigenza di una struttura nazionale di coordinamento e di promozione di un nuovo approccio della cooperazione, fondato su relazioni dirette fra gruppi della società civile del Nord e del Sud del mondo, e non più esclusivamente fondato su un rapporto di assistenza tecnica o di testimonianza personale di impegno da parte di volontari o missionari, spesso sganciati da un approccio progettuale. Da allora il CIPSI ha partecipato attivamente e concretamente ad animare e a partecipare ai dibattiti e al lavoro nel corso degli anni, sui vari temi e l’evoluzione di politiche, metodologie e approcci della Cooperazione Italiana ed Internazionale, non sempre facili e felici: dalla legge FAI ai tempi dell’emergenza, alla stesura della legge 49/87 che ha riconosciuto il ruolo essenziale e fondamentale della società civile e dei vari soggetti ed attori coinvolti nella Cooperazione, fino alla riforma della stessa, dopo infiniti tentativi, con la nuova legge 125/2014. In questi anni, molti altri fattori hanno condizionato e modificato sia la politica che l’interesse popolare verso la cooperazione: dalla crisi economica, alla riforma del Terzo Settore con il nuovo Codice del 2017, fino all’attuale pesante Pandemia Covid-19, rilegando la cooperazione ad un ruolo non sempre idoneo e coerente alla realtà e al contesto internazionale, soprattutto fortemente condizionata dalle sempre più ridotte risorse e dalle normative e linee operative che sempre più ostacolano gli interventi a favore delle persone più emarginate e sofferenti.
Per riflettere sul cammino della cooperazione in questi anni, sulla situazione attuale e soprattutto sulle prospettive future, il CIPSI promuove per Sabato 29 maggio dalle ore 10,00 alle ore 12,00 un seminario sul tema, con la partecipazione di:
o Silvia Stilli Portavoce AOI
o Ivana Borsotto Presidente FOCSIV
o Gianni Ballarini Redazione di Nigrizia
o Maurizio Mumolo Direttore Forum Terzo Settore
Coordina: Guido Barbera Presidente CIPSI

Link Accesso: https://us02web.zoom.us/j/86885233629?pwd=ZTAwSlN5MlU3aWx1TTZEYkVVeS9Rdz09
Informazioni presso: cipsi@cipsi.it

Allegato – Programma seminario (formato pdf)

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.

Un pensiero riguardo “Sabato 29 maggio, h 10: Dagli aiuti alla burocratizzazione. Quale futuro per la cooperazione e la solidarietà internazionale?

I commenti sono chiusi