Il video di Paolo Rossi. “Nessun profitto sulla pandemia!”. Il 29 maggio mobilitazione: firmiamo…

Il 29 maggio c’è la Giornata di raccolta di firme contro i brevetti sui vaccini della campagna “Diritto alla Cura, Nessun profitto sulla pandemia”.

Paolo Rossi ha un messaggio importante da dare: NESSUN PROFITTO SULLA PANDEMIA!✍ Firmiamo, e facciamo firmare, per raggiungere 1 Milione di firme serve il contributo di tutti e tutte. Firma questa iniziativa dei cittadini europei per essere sicuri che la Commissione europea faccia tutto quanto in suo potere per rendere i vaccini e le cure anti-pandemiche un bene pubblico globale, accessibile gratuitamente a tutti e tutte. https://noprofitonpandemic.eu/it/

#NoProfitOnPandemichttps://noprofitonpandemic.eu/it/

COMUNICATO STAMPA Comitato Italiano ICE, Iniziativa dei Cittadini EuropeiRight2cure – No profit on pandemicDiritto alla Cura
VACCINI, 29 MAGGIO MOBILITAZIONE NELLE PIAZZE ITALIANE PER LA SOSPENSIONE DEI BREVETTI

Milano, 26 maggio 2021. “Di fronte a quella che sembrerebbe una sconcertante chiusura del Consiglio Europeo sulla sospensione dei brevetti anti Covid-19 il 29 maggio saremo in tante piazze italiane, con i nostri banchetti per raccogliere le firme, per dire che limitarsi alla proposta delle licenze obbligatorie in questo contesto è una farsa, un inganno, che di fatto abbandona i Paesi più poveri ad una trattativa estenuante e perdente con i colossi di BigPharma! La strada per soddisfare il bisogno drammatico di vaccini a livello mondiale è quella della sospensione temporanea dei brevetti, così come chiesto da mesi da India e Sud Africa, che hanno rilanciato in questi giorni con una nuova proposta, allargata anche ai farmaci anti Covid- 19 e ai kit diagnostici” è quanto ha dichiarato il Comitato italiano della Campagna europea Right2Cure#NoprofitOnPandemic.
Da Bergamo a Roma, da Torino a Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Bari, Avellino, Bari, Matera, Cosenza, per citare alcune città, i rappresentanti delle 110 organizzazioni, aderenti alla Comitato italiano, saranno mobilitati per la raccolta anche cartacea, non solo on line, delle firme con l’obiettivo di raccoglierne un milione in Europa: grazie allo strumento dell’ICE, l’Iniziativa Cittadini Europei, la Commissione Europea sarà obbligata a rimettere in discussione la propria posizione di chiusura verso la sospensione deibrevetti dei vaccini. A tale proposito, ciò che sconcerta, inoltre, è che venga semplicemente bypassata la volontà dello stesso Parlamento Europeo, che il 19 maggio, ha approvato un emendamento sulla necessità della sospensione temporanea dei brevetti dei vaccini anti Covid 19 incluso in una risoluzione approvata a larghissima maggioranza, con 468 voti a favore e 63 contro.
“Sorpresa e sconcerto hanno suscitato le dichiarazioni, a margine del Consiglio Europeo, a favore delle licenze obbligatorie da parte dello stesso Presidente del Consiglio Mario Draghi – ha aggiunto Vittorio Agnoletto, coordinatore della Campagna europea -Right2Cure#NoprofitOnPandemic – in contraddizione con quanto da lui stesso affermato al Gobal Health Summit di Roma in sostegno alla sospensione temporanea dei brevetti: da lui ci si saremmo attesi un atteggiamento conseguente, anche in risposta alla nostra lettera del 19 aprile scorso e alle innumerevoli istanze che arrivano dalla società civile e dallo stesso mondo politico”. Come pure è del tutto fuorviante, o semplicemente inutile, insistere sullo sblocco delle esportazioni da parte di USA e UK, che niente hanno a che vedere con la liberalizzazione delle licenze. Il 7 e l’8 giugno vi sarà un appuntamento cruciale: la riunione del Consiglio Generale Trips del WTO. L’Italia può ancora giocare un ruolo importante, la pandemia sta mettendo in ginocchio paesi come l’India, mentre nei paesi poveri e a basso reddito sono arrivate e arriveranno soltanto le briciole delle quote di vaccini prodotte da BigPharma, con conseguenze drammatiche per tutta l’umanità”
Ufficio Stampa – Carmìna Conte – cell. 393 1377616 
https://noprofitonpandemic.eu/it “Diritto alla Cura, nessun profitto sulla pandemia”

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.

Un pensiero riguardo “Il video di Paolo Rossi. “Nessun profitto sulla pandemia!”. Il 29 maggio mobilitazione: firmiamo…

I commenti sono chiusi