martedì, Aprile 23, 2024
servizio civile

Servizio civile all’estero, un’interrogazione parlamentare chiede spiegazioni sul blocco delle partenze

di Francesco Spagnolo (Fonte Redattore Sociale)

È stata depositata oggi alla Camera, prima firmataria l’on. Francesca Bonomo (Pd), un’interrogazione parlamentare al ministro delle Politiche giovanili, Fabiana Dadone, e al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, sulla questione del blocco degli avvii dei giovani operatori volontari in alcuni Paesi esteri.

ROMA – È stata depositata oggi alla Camera dei Deputati, prima firmataria l’on. Francesca Bonomo (PD), un’interrogazione parlamentare al Ministro delle Politiche giovanili, on. Fabiana Dadone, e al Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, on. Luigi Di Maio, sulla questione del blocco degli avvii dei giovani operatori volontari in alcuni Paesi esteri.

L’on. Bonomo e i colleghi di partito Stefano Ceccanti, Elena Carnevali, Chiara Gribaudo, Lia Quartapelle, Laura Boldrini e Stefano Lepri, ricordano nell’interrogazione come “nel corso della Consulta Nazionale del Servizio Civile Universale del 3 agosto il Capo Dipartimento ha comunicato in modo generico che sarebbero state bloccato le partenze dei volontari avviati il 25 maggio e 24 giugno in 19 Paesi dove il MAECI esprimeva parere negativo sulle partenze, scelta poi ufficializzata con successiva pubblicazione il 13 agosto”. “Il Dipartimento – prosegue il testo – ha invitato gli enti a bloccare le partenze e a ricollocare i volontari in altri Paesi non presenti nella lista o a impegnarli in attività da remoto, entrambe soluzioni di complessa applicabilità per il servizio civile all’estero, anche perché il blocco interessa circa 350 volontari di progetti già avviati o da avviare il prossimo 16 settembre”, inoltre “la comunicazione, non circostanziata, non sembra giustificata dal precipitare improvviso della situazione nei Paesi, al contrario in alcuni di questi si riscontra un miglioramento rispetto ad alcuni mesi fa”.

“Tra i Paesi nella lista – sottolineano in proposito i deputati firmatari dell’interrogazione -, vi sono anche Paesi, come Kenya ed Ecuador, in cui nel 2020 nel pieno della pandemia – in una situazione sanitaria peggiore dell’attuale per entità dei contagi e assenza dei vaccini – il Dipartimento ha autorizzato l’avvio e le partenze estere, chiedendo agli Enti di aggiornare la valutazione del rischio presente nei singoli contesti d’intervento e ai giovani di dichiarare la propria consapevolezza dei rischi presenti nel Paese d’invio”. Inoltre “il 17 agosto il MAECI (Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale) ha chiarito che il parere negativo ‘non corrisponde a un divieto, bensì a un invito a associazioni e volontari ad essere consapevoli della valutazione sulla sicurezza di un determinato Paese, onde organizzarsi di conseguenza’ e che, in ogni caso, l’ultima decisione sull’opportunità dell’avvio nel paese estero spetta al Dipartimento”.

Quindi, ricordando l’incontro dello scorso 26 agosto in cui il Dipartimento ha manifestato “la disponibilità a una verifica periodica sulla situazione dei Paesi in questione” e di come “negli stessi Paesi bloccati per i volontari in servizio civile sono invece permessi viaggi di lavoro o di studio”, l’on. Bonomo e gli altri firmatari chiedono “quali siano le ragioni che hanno portato al suddetto blocco tenuto conto del miglioramento delle condizioni sanitarie rispetto allo scorso anno e del fatto che la quasi totalità dei volontari siano ora vaccinati”. Ai Ministri Dadone e Di Maio richiedono anche “per quale motivo lo stesso Dipartimento che a ottobre 2020 ha autorizzato le partenze per Paesi extra Schengen – in una situazione sanitaria molto più sfavorente dell’attuale, per entità dei contagi e per l’assenza di vaccini – non è disponibile ad adottare lo stesso provvedimento anche con i volontari del bando 2020”. E infine “se non intendano intervenire, per quanto di competenza, al fine di rivedere il richiamato blocco, al contrario, valorizzando l’esperienza maturata dagli enti nella valutazione e nella gestione dei rischi, riconoscendo loro la possibilità di condividere, caso per caso, le proprie analisi dei livelli di rischio dei luoghi di realizzazione del progetto, e riconoscere ai giovani in SCU all’estero, nell’attuale fase pandemica, uno status speciale, per inserirli nella lista delle risorse umane, così come previsto con specifiche ordinanze del Ministero della Salute, che autorizzano ad essere presenti nei paesi extra Shengen anche a lavoratori e studenti, nonché riconoscere, come per l’anno passato, la possibilità di ricandidarsi a futuri bandi di SCU per i volontari che abbiano superato il ventinovesimo anno di età, in deroga alle vigenti disposizioni”. (FSp)

© Redattore Sociale

Ufficio stampa

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.