venerdì, Aprile 19, 2024
Notizie dal Cipsi 1

Roma, 22 febbraio 2024 – “Facciamo pace”: incontro nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

“La pace e la cura sono nelle nostre mani. Come un artigiano plasma la sua materia cercando di dare una forma alla sua creazione, anche noi oggi siamo chiamati a pensare, ma anche ad agire con gesti concreti, per ri-costruire una coscienza, una cultura e una politica di pace che si esprima attraverso la cura degli altri, dell’umanità e del pianeta.” 

Marina Baretta             

Si svolgerà giovedì 22 febbraio in Campidoglio l’incontro nazionale delle Città per la Pace. A due anni dall’invasione russa dell’Ucraina, mentre la guerra continua a fare strage di innocenti a Gaza e in tante altre parti del mondo, facendo memoria della strada tracciata da Giorgio La Pira, cento sindaci e amministratori locali s’incontreranno a Roma per riflettere sul contributo che le città possono dare alla costruzione della pace “dal quartiere all’Onu”.

“Ogni giorno – si legge nella convocazione dell’incontro- siamo chiamati ad affrontare emergenze sociali, economiche, ambientali e politiche. E tra queste ci sono le conseguenze di tante terribili guerre, violenze e disuguaglianze che crescono senza freni nel mondo. Come gli artigiani che plasmano la materia cercando di dare una forma alla creazione, anche noi oggi siamo chiamati a pensare e ad agire con gesti concreti, per ri-costruire una coscienza, una cultura e una politica di pace che si esprima attraverso la cura della comunità, dell’umanità e del pianeta.”

L’incontro, promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani in collaborazione con Roma Capitale, si svolgerà nella Sala della Protomoteca in piazza del Campidoglio a partire dalle 9.30, in vista della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricorso delle vittime innocenti delle mafie che si svolgerà il 21 marzo a Roma.

Tra i numerosi programmi in discussione ci sono “Facciamo come La Pira” (L’impegno delle città per la pace in Ucraina, in Medio Oriente e nel resto del mondo); “Trasformiamo il futuro” (L’impegno delle città per l’educazione civica e l’educazione alla pace delle giovani generazioni); “Con la cura” (L’impegno delle città per la cura delle persone e del pianeta; “Sui passi di Francesco” (L’impegno delle città per la celebrazione degli 800 anni di San Francesco, Patrono d’Italia).

Nel corso dell’incontro, che si aprirà con le voci degli studenti e delle studentesse del Liceo artistico Ripetta di Roma, interverranno tra gli altri:

Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma Capitale
Sabrina Alfonsi, Assessora all’Ambiente, Agricoltura e Ciclo dei rifiuti di Roma Capitale
Silvana Amati, Presidente onoraria del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
Andrea Ferrari, Presidente del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
Pierpaolo Baretta, Assessore al Bilancio del Comune di Napoli
Dario Nardella, Sindaco di Firenze
Matteo Ricci, Sindaco del Comune di Pesaro, Presidente ALI
Stefania Proietti, Sindaca di Assisi
p. Enzo Fortunato, Direttore della Comunicazione della Basilica di San Pietro
Don Luigi Ciotti, Presidente di Libera
Antonio Soffientini, Missionario, Arena di Pace 2024
Marco Mascia, Coordinatore della Rete italiana delle Università per la Chiara Atanasio, maestra dell’IC Guido Milanesi di Roma
Flavio Lotti, Direttore del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

Scarica il programma completo dell’evento (formato PDF)

Per maggiori informazioni: Fondazione Perugiassisi per la cultura della pace – Ufficio stampa, Via della Viola, 1 – 06122 Perugia, Tel. 3351401733, email stampa@perlapace.it – www.cittaperlapace.itwww.perlapace.it

Ufficio stampa

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.