La salute mondiale. Quand’è che i poteri pubblici la dichiareranno “res publica”?

L’Assemblea generale dell’ONU ha convocato una sessione speciale sulla pandemia di Covid-19 a livello di capi di Stato e di governo il 3 e 4 dicembre prossimi. Ci è voluto più di un anno di discussioni per superare l’opposizione di alcuni Stati, in particolare degli Stati Uniti dell’ex presidente Donald Trump.

Bruxelles, 26 novembre 2020Lettera al Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Oggetto: Contributo spontaneo ai dibattiti della 37a Sessione speciale delle Nazioni Unite sul Covid-19

Signor Presidente

La nostra associazione, Agorà des Habitants de la Terre (AHT), attiva in una quindicina di paesi in diversi continenti, desidera ringraziarti per i tuoi sforzi personali per ottenere con successo la convocazione della Sessione Speciale dedicata alla pandemia Covid-19.

Obiettivo principale della nostra associazione è quello di contribuire alla promozione di un’Umanità capace di salvaguardare, curare e promuovere i diritti universali alla vita di tutti gli abitanti della Terra (comprese tutte le specie viventi), a beneficio anche delle generazioni future. A tal fine, le nostre attività sono focalizzate sulla difesa e promozione di beni e servizi pubblici globali, in particolare, acqua, salute e conoscenza.

Condividiamo la vostra convinzione che lo svolgimento della sessione speciale a livello di capi di Stato e di governo sia di notevole importanza. Costituisce un’opportunità unica per definire e attuare azioni congiunte a livello globale per combattere la pandemia per garantire il diritto alla vita e alla salute di tutti gli abitanti della Terra. Come scrivi nella tua lettera di convocazione: “Non dimentichiamo che nessuno di noi è al sicuro, finché non siamo tutti al sicuro”.

Questo è un momento storico . È in gioco il futuro delle Nazioni Unite, e soprattutto la capacità delle nostre società di rendere la vita universalmente libera da ogni subordinazione a “ragioni” di mercato, economia o potere. La salute e la vita non sono una questione di affari, profitto, potere nazionale, dominio o sopravvivenza del più forte.

Questa Sessione Speciale è molto importante anche perché rappresenta una grande occasione per noi cittadini. Il lavoro all’ordine del giorno del 4 dicembre ci incoraggia ad esprimere le nostre priorità e desideri, a fare pressione sui nostri leader eletti affinché le loro decisioni siano in linea con i principi costituzionali dei nostri Stati e la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dei diritti dei popoli.

In qualità di Agorà degli Abitanti della Terra, siamo intervenuti in precedenza a settembre con il Segretario generale delle Nazioni Unite in difesa di una politica sanitaria senza brevetti privati a scopo di lucro e gratuita (sotto la responsabilità politica e finanziaria pubblica).

Deploriamo profondamente il fatto che il 23 ottobre, all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), i paesi “ricchi” del Nord (Stati Uniti, Unione Europea, Norvegia, Svizzera, Regno Unito, Australia, Giappone…) abbiano errore di respingere la richiesta avanzata da Sud Africa e India, sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e da altri Paesi del Sud, di sospendere temporaneamente l’applicazione delle norme sui brevetti nella lotta al Covid-19.

Con questo rifiuto i suddetti Paesi hanno infranto il primato politico e giuridico del diritto alla salute secondo le regole e gli obiettivi fissati a livello internazionale dall’OMS sulle “logiche” e sugli interessi di mercato promossi dall’OMC.

Questo è inaccettabile. Gli strati sociali ad alto reddito sono diventati più ricchi da maggio mentre i gruppi a basso e medio reddito sono diventati più poveri. Il presidente della Pfizer da solo ha guadagnato 5,6 milioni di dollari USA in un giorno vendendo il 62% delle azioni della sua società a titolo personale!

I dati più recenti pubblicati dalla Banca mondiale e dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) confermano il crescente divario tra ricchi e poveri. Le persone nei paesi poveri della Terra stanno già soffrendo e nel prossimo decennio soffriranno ancora di più rispetto alle persone nei paesi ricchi per le conseguenze della pandemia. Perché le autorità pubbliche continuano a finanziare società con miliardi di dollari per produrre e distribuire vaccini, il cui mercato mondiale attuale è stimato a 45 miliardi di dollari?

È tempo che i governi riprendano il controllo della politica sanitaria.

La sessione speciale deve mettere le cose in chiaro. La salute non è una merce e gli aspetti commerciali devono essere chiaramente soggetti agli imperativi dei diritti umani universali e della sicurezza della vita. Siamo convinti che l’opinione pubblica mondiale accoglierà favorevolmente tale posizione. Fare altrimenti rischia di indebolire ulteriormente la fiducia nelle istituzioni delle Nazioni Unite.

Le nostre proposte sono dettagliate nella nota allegata “Per la politica sanitaria globale, res publica”.

Ci sembra che la Sessione Speciale avrà il compito di definire e approvare le linee principali di un Patto per una politica di sanità pubblica globale giusta, partecipativa, federativa, solidale. Questa politica deve essere liberata dai monopoli privati sulla proprietà intellettuale, dalla dipendenza dagli interessi finanziari delle imprese e dalle visioni tecnocratiche del management. Le nostre proposte sono piccoli tasselli che possono essere utilizzati per comporre il mosaico del Patto.

Ci teniamo particolarmente a sottolineare che le nostre proposte sono state oggetto di una consultazione con associazioni, gruppi, movimenti e reti di cittadini durante il mese di novembre. Abbiamo ricevuto 1.285 e-mail personali firmate di supporto da 53 paesi, un elenco delle quali è anche allegato.

Signor Presidente,

abbiamo cercato di essere cittadini attivi, rispondendo agli stimoli dell’Onu, con contributi di idee, scelte e impegni.

Vi ringraziamo anticipatamente per la vostra attenzione e vi chiediamo di accettare l’espressione della nostra più alta considerazione.

Per Agorà degli abitanti della Terra, i membri del Comitato Internazionale dei Promotori:

Alain Adriaens (B), Marcos P.Arruda (BR), Alassane Ba (F), Guido Barbera (I), Marcelo Barros (BR), Cristina Bertelli (F), Jacques Brodeur (CND), Joao Caraça (PT), Francesco Comina (I), Alain Dangoisse (B- India), Ina Darmstaedter (D), Armando De Negri (BR), Corinne Ducrey (F), Anibal Faccendini (ARG), Adriana Fernandez (CL), Alfio Foti (I) , Lilia Ghanem (Libano), Pierre Galand (B), Luis Infanti de la Mora (CL), Pierre Jasmin (CND), Fatoumata Ki-Zerbo (Burkina Faso), Paola Libanti (I), Vladimir Mitev (BG), Maria Palatine (D), Nicola Perrone (I), Riccardo Petrella (B), Pietro Pizzuti (I), Jean-Yves Proulx (CND), Luiz Rena (BR), Domenico Rizzuti (I), Roberto Savio (I), Catherine Schlitz (B), Cristina Spinedi (CH), Philippe Véniel (F), Emanuele Villa (I), Jean-Pierre Wauquier (F).

Recinzioni:

1.       Nota “Per la politica sanitaria globale, Res Publica 

2.       Elenco di e-mail personali di supporto firmate da 53 paesi

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.

Un pensiero riguardo “La salute mondiale. Quand’è che i poteri pubblici la dichiareranno “res publica”?

I commenti sono chiusi